6G0A3474

6G0A3474

6G0A3473

6G0A3473

6G0A3470

6G0A3470

DSC_0714

DSC_0714

10584030_10204940487857668_9207453233803407038_n

10584030_10204940487857668_9207453233803407038_n

1265180_10201637637091706_698416768_o

1265180_10201637637091706_698416768_o

1234864_10201618158084743_1307498890_n (1)

1234864_10201618158084743_1307498890_n (1)

1175627_10201629720333792_1026617184_n

1175627_10201629720333792_1026617184_n

14906963_1788610924685031_6641339510076018089_n

14906963_1788610924685031_6641339510076018089_n

14900535_1788607598018697_9089270772626285076_n

14900535_1788607598018697_9089270772626285076_n

335849_267587949936884_154295901266090_1042234_4913947_o

335849_267587949936884_154295901266090_1042234_4913947_o

1173839_10201629883497871_1733870040_n

1173839_10201629883497871_1733870040_n

1017040_506463579441454_212505004_n

1017040_506463579441454_212505004_n

10018_10201629885057910_1230370255_n

10018_10201629885057910_1230370255_n

Spettacoli |  Teatro, Musica e circo

Gran ballo dei derelitti

Spettacolo di Circo-Teatro

a cura di Tadam Circo

Cinque bizzarri personaggi e la loro irrefrenabile spinta alla ricerca della meraviglia. Acrobazie, colori, musica e colpi di scena…per capire che la vera bellezza si trova dentro ognuno di noi.

 

Giovedì  8 agosto |  Aschi Alto ore 22

Intorno ai battiti del mondo

Conversazioni fra un uomo e i sui strumenti

a cura di Massimo Carrano [Musicista]

Il ritmo non è solo un ingrediente musicale, ma innerva la nostra vita  e la nostra necessità/capacità di vivere in comunità. Dagli aspetti evolutivi, che proprio nella capacità ritmica testimoniano un fattore primario di differenziazione dalle scimmie, alle scadenze astrologiche, biologiche ed alla ritmicità del rito. Questa conferenza-concerto vorrebbe essere un momento di riflessione per i giovani e non solo; un’occasione per ripensarsi "a tempo" con gli altri nella complessa sinfonia dell'Esistenza.

 

Venerdì  9 agosto |  Bisegna ore 22

Un Ponte - Un Muro 

Inaugurazione dell’Opera di Stefano Faccini, dedicata al ponte sul Giovenco

a cura di Alberto Santucci e Stefano Faccini

Lo scultore Stefano Faccini nell’agosto 2018 ha realizzato un’Opera in pietra sul tema del “ponte” a sostegno delle comunità della Valle del Giovenco e dell’Alto Sangro, interessate dalle criticità legate alla chiusura del ponte sulla SP17. Un’anno dopo, l’emergenza fortunatamente è passata e il ponte è percorribile, ma le fragilità del territorio sono sempre le stesse. Il ponte è per definizione l’elemento che congiunge, che unisce luoghi che altrimenti non potrebbero essere raggiunti. Il termine, usato in senso metaforico, è sinonimo di un legame indissolubile. Ma con le stesse pietre con cui si può costruire un ponte, si può costruire anche un muro. A noi la scelta.

10 agosto | San Sebastiano dei Marsi ore 19

Accordi Spaesati

Incontro musicale al confine fra Olanda e Abruzzo

a cura di Marcello Sacerdote e Mathijn Den Duijf

Due stranieri, Mathijn e Marcello, si incontrano al confine della propria musica, della propria lingua e della propria umanità, per ritrovarsi catapultati a bordo di un accordo spaesato, che muove le sue note altrove, in esplorazione, nell’ascolto e nello stupore, vibrando di storie e territori, vicini e lontani. Musica popolare abruzzese e cantautorato olandese si incontrano così in un’accordanza di suoni e canzoni. Una musica di frontiera, una musica per stranieri in patria, una musica per chi è amico del mondo, una musica per tutti: per chi va, per chi torna e per chi resta. Sonorità familiari e bizzarre, semplici e distorte, gentili e ribelli. Per danzare, ascoltare, perdersi e ritrovarsi nell’unica patria possibile: il viaggio.

 

10 agosto | San Sebastiano dei Marsi ore 22

Il Principe

Storie di un lago che non c’è più e di eterne prepotenze

a cura di Teatro Lanciavicchio

Una storia e le storie che hanno creato il territorio abruzzese, insieme ad un certo modo di essere italiani. Uno spettacolo che attraversa due secoli: dal prosciugamento del Lago Fucino, all’avvicendarsi della dinastia Torlonia nel latifondo e nelle guerre mondiali, per arrivare alle lotte contadine degli anni ’50. Quadri di memoria che richiamano il mito di un lago senza tempo in una narrazione orchestrata con avvenimenti della terra d’Abruzzo, mostri di antiche leggende e mostruosi personaggi che ancora caratterizzano la storia dell’Italia contemporanea.

 

Domenica 11 agosto |  Ortona dei Marsi ore 22

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now